mercoledì 4 aprile 2012

Piccole (quasi) pastiere

Quando arriva Pasqua uno dei miei primi pensieri è la pastiera napoletana. In particolare ricordo una pastiera buonissima che faceva una vecchia vicina di casa. Era la classica, vera pastiera casalinga con tutti gli ingredienti e tutto il cerimoniale per la preparazione. Ore e ore passate nell'allestimento di un dolce che richiede una cura e perizia particolari. Preparare il grano, passare la ricotta al setaccio, il giusto aroma di fiori d’arancio e cosa più delicata di tutte, la “frolla” che conterrà tutto il ripieno. La difficoltà è data dal fatto che non si tratta di una normale frolla ma di una pasta molto friabile e delicata che deve essere stesa con molta attenzione perché deve essere molto sottile. Ricordo che la vicina la stendeva tra due fogli di pellicola. Era un’operazione che alla fine della giornata ti dava il colpo di grazia ma era necessaria. Da lì in poi non sono più riuscita a mangiare una pastiera con il guscio troppo alto o troppo duro o tipo crostata. Facendo sempre i conti con il tempo che manca, quest'anno farla non è pensabile … però ma non mi andava di rinunciare al sapore della ricotta con il grano e tutto il resto (una volta l’anno in barba all’intolleranza). Quindi ho pasticciato, sperimentato e alla fine ho tirato fuori un surrogato (i puristi della pastiera mi odieranno) che si prepara in pochi minuti… a mali estremi, estremi rimedi! E posso dire di essere più che soddisfatta: grande gusto in poco tempo :D
Buona Pasqua a tutti!

Ingredienti
(4 monoporzioni)

210 g di grano cotto
100 g di zucchero
250 g di ricotta
1 uovo intero
1 tuorlo
2 cucchiai di canditi
1/2 fialetta di aroma fior d'arancio
zeste di mezza arancia
1 pizzico di vanillina
1 pizzico di cannella (facoltativo)
1 pizzico di sale
vaschette in alluminio monoporzione
burro e farina per le vaschette

In una ciotola amalgamate la ricotta con lo zucchero. Unite il grano e lavorate bene. Aggiungete i canditi, la buccia d'arancia grattugiata, la vanillina, la cannella, il pizzico di sale e mescolate tutto. In ultimo mettete l'aroma di fior d'arancio e le uova e finite di lavorare bene. Imburrate e infarinate le vaschette, versatevi il composto (riempiteli non oltre la metà perché in cottura il composto si gonfia molto) e infornate a 170° per 75', fino a quando saranno ben dorati. Sfornateli e fateli raffreddare completamente prima di servirli.

stampa il post

Print Friendly and PDF
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...